5 Consigli per un'ottima fotografia d'interni

Attenzione, professionalità e cura della scena sono elementi essenziali per realizzare un’ottima fotografia immobiliare che esalti sia le qualità dell’immobile che le competenze e la creatività di chi l’ha realizzata. Ecco 5 consigli utili che potranno aiutarvi a fare la differenza:

1. Scrivere con la luce

Fotografare, come dice la parola stessa, significa “scrivere con la luce” e un buon fotografo sa sfruttare al meglio la grande potenza della luce naturale. Per questo motivo, prima di scattare le fotografie, è consigliabile assicurarsi che ci sia una giornata di sole e che l’orario sia opportuno. Prima mattina e pomeriggio garantiscono delle luci omogenee e ombre più attenuate. Inoltre è fondamentale aprire tutte le persiane o tapparelle in maniera tale da fare penetrare quanta più luce naturale possibile.

2. GRANDANGOLO: parola agli spazi

Un buona fotografia d’interni è quella che fa parlare gli spazi. Tra gli strumenti a disposizione del fotografo c’è l’obiettivo grandangolare, capace di “ingrandire” la scena e contribuire a rendere un’idea di spaziosità anche per piccoli ambienti. Per sfruttare a pieno la profondità di campo e l’angolo di ripresa maggiorato è necessario che il piano su cui è appoggiata la fotocamera sia orizzontale. Alcuni modelli di cavalletto sono dotati di una livella incorporata semplificando il lavoro di correzione. Quando assente, è possibile rimediare con la livella a bolla esterna.

3. Less is more

Molto spesso, la differenza tra una buona foto e uno scatto mediocre è nel lavoro di “spazzini” dell’inquadratura. Alla cura del dettaglio si accompagna la selezione degli elementi in scena. La regola è: pochi oggetti e ben posizionati, per restituire all’osservatore un’idea di pulizia e ordine. Una scena “asciutta” va costruita con cura. Prima di procedere con gli scatti, è doveroso rimuovere oggetti personali e ordinare ciò che comporrà il set. Bando a lenzuola spiegazzate, spazzolini e pantofole. L’essenziale deve essere visibile agli occhi.

4. La bellezza è nei DETTAGLI

Essenzialità fa rima con originalità. Una scena minimalista non ci impedisce di aggiungere un tocco di particolarità e unicità all’immobile, utilizzando elementi che catturino l’attenzione dell’osservatore su dettagli e colori accattivanti. Un oggetto di design, una pianta lussureggiante su una parete bianca, un arredo particolare possono conferire all’immobile carattere e stile.

5. Dentro e FUORI

La casa è associata a concetti come chiuso, intimo, interno. E i balconi, le terrazze, le facciate e tutti quegli spazi interstiziali che mettono in comunicazione il dentro con il fuori? Gli spazi esterni sono elementi secondari, ma ugualmente importanti che aiutano i potenziali acquirenti a contestualizzare l’immobile e ad orientarne la scelta.

Questi erano i consigli del team di Wesual per una fotografia immobiliare professionale. E tu cosa ne pensi? Lasciaci un commento qui sotto!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin